Come si scrive google in italiano?

Come rispondereste a questa domanda?
No, non è una battuta, è la domanda (letterale) che mi sono sentita rivolgere un po’ di tempo fa da un utente in biblioteca.
Va aggiunto che l’utente in questione era un cittadino non comunitario, ma questo da solo non basterebbe a dare un senso alla storia.
Perciò aggiungiamo che era anche presumibilmente asiatico, e allora il puzzle comincia a comporsi.
“In italiano” significa “in caratteri latini”, giustamente poco importa di quale lingua occidentale si tratti, se il punto di partenza è un alfabeto differente.
C’è davvero grande confusione sotto il sole!
Mi sembra (ma sarà un’impressione soggettiva) che gli stranieri arrivino in biblioteca ad ondate, come se partissero un paesino intero per volta. C’è la volta degli africani – espressione generica, eh?, che però spesso arrivano alle postazioni internet accompagnati da amici che già parlano l’italiano. C’è la volta degli arabi che parlano sempre più lingue di te e ti fanno sentire uno straccione. E poi c’è la volta di questi piccoli, educati, rispettosissimi asiatici coi quali a volte non si ha più che qualche parola in comune in una qualsiasi lingua. E per di più, siccome sono rispettosissimi, parlano a bassa voce…

Ma la domanda che dà il titolo a questo post non è il caso-limite più incredibile a cui abbia assistito.
Pochi giorni fa un bel signore alto e scuro è entrato in sala con un gran sorriso sulle labbra, mi ha visto e ha semplicemente fatto il gesto delle mani che battono su una tastiera! Io gli ho risposto: “Internet?”, e il suo sorriso si è aperto ancora di più. Fine della conversazione. Abbiamo dovuto accompagnarlo fisicamente all’ufficio iscrizioni e poi avanti per tutti i passaggi che erano necessari.
E’ da poco stato presentato il Dossier statistico immigrazione 2007 della Caritas.
Per fortuna c’è anche un’utile scheda riassuntiva disponibile online, prendetevi un po’ di tempo e leggetela! Non finirò mai di magnificare la solida concretezza dei dati statistici…

3 thoughts on “Come si scrive google in italiano?”

  1. C’è la volta degli arabi che parlano sempre più lingue di te e ti fanno sentire uno straccione

    ROTFL..!!

    Ma dove hai trovato degli arabi che parlano tutte queste lingue?

    A parte l’ambiguità della stessa espressione “arabi” (che può indicare persone appartenenti anche a nazionalità molto diverse), se parliamo di magrebini ed egiziani (numericamente i più rappresentati in Italia fra gli “arabi”), direi che il caso di qualcuno di loro che parli più lingue è proprio rarissimo… di solito si limitano a due/tre espressioni in francese/inglese e ad un italiano stentatissimo

    Saranno (forse) i loro figli ad essere in condizione privilegiata, se sapranno approfittare del fatto di crescere in un contesto (quasi) bilingue

  2. Ma dai… ;-) è ovvio che ho usato un’espressione esagerata! Comunque mi pare che arabo e francese lo parlino tutti, in rete io li vedo tranquillamente usare l’inglese e perciò, facendo i conti, parlano sicuramente più lingue di me che, da ignorante quale sono, effettivamente non riesco neanche a distinguere un egiziano da un marocchino! (E’ vero, ahimé).

  3. Complimenti per il vostro interessante blog. Anche sul mio stò trattando un post sulla cultura degli imigrati in Italia e in particolare del Bangladsh, vi invito a visitarlo e a lasciare un commento che sarà molto gradito. Buona giornata da Tiziano

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...