Nadia, che legge solo online (e scrive)

Aggiungo a complemento dell’ultimo post sulla rete e il nostro presunto instupidimento, per i mieri lettori più fedeli come ad es. zalgiris, il riferimento ad un altro articolo sul tema, pubblicato sul New York Times del 27 luglio: Literacy Debate: Online, R U Really Reading?

A me ha colpito il ritratto di questa adolescente che si rifiuta di leggere libri ma ha cominciato a leggere online quando ha scoperto siti come fanfiction.net e quizilla.com, siti collaborativo-narrativi (come altro descriverli?), i cui lei stessa può inserire contenuti. Sentite cosa dice:

Nadia said she preferred reading stories online because “you could add your own character and twist it the way you want to be”

Tutti auguriamo a Nadia di scoprire (come probabilmente avverrà) che mezzi diversi procurano piaceri diversi, che c’è posto per la lettura rapida, la lettura approfondita e “lenta”, l’inserimento di contenuti propri e l’uso dei contenuti altrui. Certo però a me risulta difficile pensare a lei come una persona particolarmente deprivata… Forse deprivati siamo noi più vecchi, che per una bella fetta di vita non abbiamo conosciuto la gioia di esprimerci liberamente e di partecipare se non nei limiti angustissimi della nostra presenza “fisica”?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...