“A democracy can’t survive if a generation believes that democracy is a waste of time”

L’11 marzo Lawrence Lessig, uno degli ideatori di Creative Commons e autore (ultimo tradotto in italiano) dell’imperdibile Remix:il futuro del copyright (e delle nuove generazioni), era in Parlamento al convegno Internet è libertà: perché dobbiamo difendere la rete.

Qui il video di una breve intervista fatta dopo l’incontro, con un bell’attacco sulle due condizioni necessarie perché cessi l’inutile guerra contro l’uso che i giovani fanno della rete: che i nativi digitali esercitino in prima persona il loro potere politico e che gli uomini politici comincino a pensare creativamente (!):

Per quanto riguarda invece l’intervento vero e proprio, segnalo a chi ancora non li avesse visti il link alle slide e all’audio originale del discorso di Lessig, Internet is Freedom, slide senza le quali non è peraltro completamente comprensibile neppure la trascrizione in italiano dell’intervento che si trova sul sito de La Stampa.

Molta la discussione in rete, parte integrante dell’evento, dalle osservazioni fiorite intorno all’hashtag #difenderelarete su Twitter (come sempre in questi casi, più apprezzabili in tempo reale che post evento) a quelle di Giovanni Boccia Artieri su Mediamondo.

Per completezza, va segnalato anche l’intervento introduttivo al convegno tenuto da Gianfranco Fini di cui ho trovato una trascrizione qui.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...