Corpo, cultura e tenute da spiaggia

Avvertenza: questo post non tratta di biblioteche (diciamo che non ne tratta al 99%). Se a questo siete interessati, utilizzerete meglio il vostro tempo in un altro modo :-)

Questa mattina ho deciso di uscire a fare una camminata. Anche se in città, ho cercato un abbigliamento comodo e dal mio armadio – nell’angolo delle magliette vecchie – è uscita una canottiera bianca che mi è parsa adatta. L’ho indossata e mi sono guardata allo specchio: non ricordavo fosse così aderente e, dopo gli ultimi preparativi per casa, l’ho sostituita con un t-shirt più ampia.

Il clima bolognese mi ha fatto subito desistere dal mio intento. Ho visto un bus e ci sono salita sopra, diretta all’ipermercato più vicino, in compagnia del tipico pubblico degli autobus agostani bolognesi delle mie parti, non più di due persone per vettura della stessa etnia, le tenute più varie, bambini di ogni colore eccetera. Guardando un trio di signore velate mi sono resa conto all’improvviso del perché la canottiera aderente mi fosse sembrata in qualche modo inadatta.

Ho 49 anni, col tempo è improbabile che il seno si riduca, anzi, e con quella canottiera il mio si vedeva troppo. Girare con un top così aderente implica alcune cose, la prima: sentirsi in obbligo di controllare la postura. Se stai gobba rischi di sembrare un sacco. Se stai dritta forse sembri ancora una giovane piacente signora. Quindi è difficile che indosserai quell’indumento stando rilassata, o normale, insomma come sei.

La seconda cosa è essere esposta agli sguardi. Quando ero una bambina capitava ancora abitualmente che gli uomini maturi ti si strusciassero contro in autobus. Ora una cosa del genere è quasi inimmaginabile, ma se si parla di sguardi le cose cambiano. D’altra parte è la mia scelta di indossare qualcosa di aderente a implicare che uno sguardo – uno sguardo qualunque – veda più a fondo. Nel posto in cui vivo è molto raro che vengano fatti apprezzamenti verbali in pubblico nei confronti di una signora, ma ogni volta che mi trovo in situazioni potenzialmente di questo genere, ricordo invece chiaramente il modello del complimento/insulto che arrivava talvolta quando ero giovane. (Complimento/insulto: prima battuta consistente in un apprezzamento, seguita, nel caso in cui la risposta da parte dell’apprezzata non sia confacente alle aspettative del maschio, da un insulto rivolto allo stesso aspetto fisico che un secondo prima sembrava essere stato apprezzato. Non riesco a immaginare nulla di più rivelatorio di quanto siano malati i rapporti fra i sessi. Niente di più significativo rispetto alla condizione mai risolta in cui una donna si trova costantemente: detto banalmente, come fa, sbaglia).

Ora, dall’alto dei miei anni non voglio trovarmi in questo genere di situazioni. Non me ne voglio neppure ricordare. Ma soprattutto, ho fatto le mie esperienze e so già quanto valgo sessualmente, e non ho bisogno di conferme da sguardi esterni. Non voglio dibattermi fra il dubbio di come appaio, il desiderio di uno sguardo approvante, il timore di uno offensivo. Non me ne importa proprio niente, signori, perciò non sarò in mostra né mi nasconderò. Non cancellatemi neppure una ruga, me le sono meritate tutte.

La storia della moda insegna alcune cose: ad esempio che i significati culturali degli oggetti che riguardano il corpo umano variano secondo una quasi infinita pluralità di sfumature, e sono più spesso slegati dalla funzione pratica originaria piuttosto che il contrario. La fantasia mimetica ha un connotato così forte (l’uniforme militare) da farne un oggetto ideale di ironia (il mimetico virato sul fucsia per la borsetta). L’anfibio è stata la scarpa dei militari, della sinistra punk e della destra estrema, in ognuno di questi casi con lunghe sottospecifiche di significati diversi (dal cuoio nero ai fiorellini su fondo bianco, dalla fricchettoneria all’assonanza col fetish).

Che cosa penso della signora 49enne (o 79enne) con l’abitino aderentissimo? Non penso nulla, almeno fino a che non so quale significato ha per lei. Si tratta di una donna poco consapevole della sua età? Lo è tanto ma ha un enorme senso dell’ironia? Vuole rifarsi di una vita di brutture? Sta sfidando se stessa dopo una dieta che le ha ridato la salute? È una vittima passiva delle aspettative maschili? Qualcosa d’altro che, appunto, sa solo lei?

Le poche volte che in passato mi sono trovata in spiaggia, indossavo un bikini, come tutte le donne bianche occidentali al di sotto di una certa età. Il bikini – a meno che non abbiate un fisico particolarmente esile – è un indumento molto scomodo. Costringe a stare in guardia continuamente perché non salti fuori qualcosa che si presume resti coperto (un seno, una parte non depilata). Io mi ci sono sempre sentita in grande imbarazzo, perché non mi piaceva come mi stava e perché temevo lo sguardo giudicante dei maschi. Il maschio in spiaggia esibisce pance e gambe pelose. La donna bianca occidentale tenta di nasconderle, ma denudandosi. Al di sopra dell’imbarazzo c’era – cosa probabilmente più interessante e meno comune – anche una specie di meta-imbarazzo: nella cultura del mio gruppo umano una donna non deve vergognarsi di esibire il proprio corpo, perché questo è un segno di libertà; io, invece, non vedevo l’ora di rimettere i pantaloni. Non rispettavo intimamente le regole del mio gruppo di riferimento e me ne vergognavo.

Ora, di nuovo dall’alto della mia età, sono tutti problemi risolti: il mare non mi piace, non mi piace stare con mutande di plastica piene di sabbia a chiedermi se sono adeguatamente depilata, e al mare non ci vado più.

Il problema del pelo di troppo che esce dalle mutande pare peraltro essere stato risolto di recente dalla moda della depilazione totale. Donne che in piena libertà decidono di farsi strappare tutti i peli del pube, sopportarne il dolore, le irritazioni e il prurito della ricrescita per sembrare glabre (pulite? bambine?). Certo la manutenzione ordinaria dell’uscita in bikini resta piuttosto costosa, ma se volete sembrare glabre, più pulite o più bambine, per me restate libere di farlo. Anche se personalmente mi piacerebbe sapere qual è la vostra individuale motivazione e discuterne con voi.

Alla fine la questione è (quasi) semplice: sono contraria alle imposizioni per legge di un genere di abbigliamento (ad esempio Il velo o il burqini), e sono contraria al fatto di vietarlo. Sia che sia imposto, sia che sia proibito, lo spazio per la scelta non c’è.

Preferirei donne che possano scegliere se evitare la scomodità degli indumenti attillati e il pericolo del sole, nascondere il proprio corpo come un regalo prezioso, esibirlo come la cosa più bella sulla faccia della terra, usarlo per sollecitare esperienze sessuali, denudarsi per stare al sole a prescindere da pancia e peli, e tutti gli altri significati che non posso immaginare perché stanno nella testa delle singole donne.

Sono contraria anche al fatto di dirmi “libera” perché sposo l’idea che nudo = libero. Non mi sono mai sentita più libera quando ero più nuda, anzi, mi sono sentita solo più scomoda e più schiava delle aspettative di altri. Vorrei anche donne occidentali più consapevoli e meno supponenti, che sappiano che come la fantasia mimetica della loro borsetta non è militarista, non ha un significato assoluto neppure la forma del loro costume da bagno, o quello delle donne di altre culture. E vorrei uomini che riflettano pubblicamente su queste cose (perché il maschilismo è un problema dei maschi, non delle femmine), ma che magari lo facciano dopo aver preso in considerazione anche una serie di cose che per le donne occidentali sono normali: essere palpeggiati in autobus da bambini; essere insultati per il proprio aspetto un secondo dopo essere stati apprezzati; rischiare di essere aggrediti sessualmente da sconosciuti, parenti o partner (ed è solo l’inizio della lista).

Le sfumature sono ovunque. I significati culturali sono nascosti ovunque, e spesso sono sfuggenti e contraddittori. L’impurità presunta del corpo femminile è un’idea odiosa, ma che non si risolve sul terreno di scontro dei costumi da bagno. Anche perché, così facendo, forse ci dimentichiamo delle donne.

4 thoughts on “Corpo, cultura e tenute da spiaggia”

  1. «la fantasia mimetica della loro borsetta non è militarista, non ha un significato assoluto neppure la forma del loro costume da bagno, o quello delle donne di altre culture»: sono d’accordo al 50%. Nella cultura occidentale negli ultimi 2 secoli i simboli si sono svuotati di significato. È uno degli effetti della secolarizzazione. Non sempre la cosa è accettata da tutti: vedi per es. cosa successe 30 anni fa quando Madonna lanciò il crocifisso come accessorio di moda. Certo anche da noi vari simboli resistono, sia nel significato, sia nella pretesa di intangibilità dell'”oggetto” che li rappresenta: per es. la bandiera di uno Stato. Ma sicuramente è vero che la moda occidentale degli ultimi decenni ha mescolato tutto e reso tutto ambiguo, reinterpretabile, riutilizzabile. Ma questo movimento verso lo svuotamento dei simboli e la loro reinterpretazione libera, soggettiva, non decisa dall’alto, è tipico della cultura occidentale dove le auctoritas si sono indebolite a partire dal rinascimento e dal protestantesimo. È tipico invece di culture più arcaiche, più conservatrici, che non hanno conosciuto né l’esaltazione umanistica dell’individuo né una riforma protestante, conservare e riaffermare l’intangibilità dei simboli. Non a caso la loro moda non cambia, non è reinterpretabile, non si può fare mix & match. Così come non lo si può fare per i ruoli. In quelle culture tutto è molto statico e ha un significato non discutibile. Per questo non possiamo “guardare” con sguardo occidentale al loro modo di vestirsi pensando che sia un libera scelta individuale con la quale l’individuo esprime qualcosa di assolutamente “individuale”. Né quello che indossa è passibile di interpretazioni perché il suo significato è chiaro, statico, non è appropriabile, non è ambiguo. Ecco perché il burkini non è solo un abito. Niente in quelle culture può essere “solo” un involucro privo di un messaggio definito. Come spiega questo articolo scritto da un arabo e apparso su Libération 4 giorni fa: «Ne soyons pas naïfs sur le symbole de cette étoffe» par Aalam Wassef: http://www.liberation.fr/debats/2016/08/17/ne-soyons-pas-naifs-sur-le-symbole-de-cette-etoffe-par-aalam-wassef_1472951 Insomma: la sovrapposizione tra ciò che vale per noi, per la cultura occidentale, e ciò che vale per loro, non si può fare. Conduce a fraintendimenti.

    1. Questo è un buono spunto e ne prendo atto. Non credo però possibile che una società e i suoi simboli restino immutati nel corso del tempo (es., negativo, dell’Iran degli anni ’70 e di quello attuale). In ogni caso, la polemica sul burqini nasce nel mondo occidentale, e non mi pare possibile che donne che vivono nel mondo occidentale non abbiano almeno intimamente o almeno in parte reinterpretato i loro simboli. Credo sia per questo che le testimonianze che vengono dalle musulmane occidentali su questo tema sono così varie.

  2. Il divieto francese è stato proprio un goffo tentativo di arginamento, e non si discute. Potevano fare di meglio e con più intelligenza.
    Riguardo la tua esperienza personale, la vedo quasi peggio di una diktat religiosa. Arrivare ad odiare il mare a causa di un sentimento di inadeguatezza verso la moda imperante è al limite della seduta dallo psicanalista.
    La vera vittoria si ha mantenendo le proprie abitudini con coraggio e autostima, non rimodellandole in modalità anti-vergogna.
    Il resto del post femminista riflette anche tutte le altre fobie derivate di cui sopra.
    Sarebbe interessante conoscere il pensiero del tuo partner, è un punto di partenza, vicino a te, per comprendere certi meccanismi sociali-culturali tra i diversi sessi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...