466 voci

Oggi volevo solo dire che che le voci di Wikipedia non si scrivono da sole. Perciò, quando ne leggete una, ricordatevi che qualcuno ci ha impiegato tempo, passione e fatica.
Se mai vi capiterà di leggere una delle tante riportate qui sotto, ricordate che chi le ha scritte può anche non esserci più, e che vi ha lasciato questo regalo.
Ciao, Cotton.

Arte
Albrecht Adam / Albright-Knox Art Gallery / Balthus / Burrell Collection / Diego Velázquez / Eugène Delacroix / El Greco / Gustave Courbet / Harlem Renaissance / Francisco Herrera il Vecchio / Jackson Pollock / Porcellana Kakiemon / Mary Cassatt / Mauritshuis / Metropolitan Museum of Art / Musée National Picasso di Parigi / Museo del Louvre / Museu Picasso / Museum of Modern Art / National Gallery / Nationalmuseum / Otto Freundlich / Porcellana di Imari / Porcellana di San Pietroburgo / Porcellana di Vincennes / Rembrandt Harmenszoon Van Rijn / Johann Moritz Rugendas / Salvador Dalí / Jacques Stella / Giovanni Francesco Susini / Westerkerk / William Blake / William Turner

Biografie
Arnold Gingrich / Josef Bühler / Wilhelm Burgdorf / Thomas Cavendish / Erofej Pavlovič Chabarov / Juan de Fuca / Donya Feuer (orig.) / Edward Ricketts / Elliot Tiber / Francis Scott Key / Frederick Douglass / Howard Stern / Thomas Finke / Ludwig Gumplowicz / Ernst-Robert Grawitz / Walther Hewel / Friedrich Wilhelm Kritzinger / Else Krüger / Ludwig Müller / Willi Münzenberg / Johan Nieuhof / Giovanni Parenti / Günther Quandt / Harald Quandt / Ivan Golubets / Mario Spezi (orig.) / Miron Costin / Otto Meißner / Partenio di Nicea / Robert Brown Elliott / Rush Limbaugh / Santiago Derqui / Saskia van Uylenburgh / Vladimir Nikolaevič Kokovcov / Hiram Rhodes Revels / Sojourner Truth / William Tyndale / Booker T. Washington / William Burrell / William Edward Burghardt Du Bois

Cinema
Hans Albers / Biograph / Betty Blythe / Lisa Blount / Olive Borden / Virginia Brown Faire / John Bunny / Anton Walbrook / Beatrice Macola (orig.) / René Cardona Jr. / Maurice Costello / Donald Ogden Stewart / Lil Dagover / Jeanne d’Alcy / Viola Dana / Bebe Daniels / Guillaume Depardieu / Dorothy Devore / Mélanie Doutey / Minta Durfee / Lída Baarová / Lista di film preservati nel National Film Registry (wikificato e inseriti titoli italiani se esistenti) / Elinor Fair / Louise Fazenda / Helen Ferguson / Flora Finch / Annette Funicello / Kalem Company / Kathryn McGuire / Mark Frechette / Willy Fritsch / Gustav Fröhlich / Gaumont / Heinrich George / Lars Hanson / Lilian Harvey / Gladys Hulette / Leatrice Joy / Samuel Le Bihan (da fr.wiki) / Lila Lee / Marion Leonard / Richard Lynch / Mary Elizabeth Mastrantonio / Grace Moore / Antonio Moreno / Nita Naldi / Ghita Nørby / Eugene O’Brien / Sidney Olcott / Baard Owe / Mary Philbin / Henny Porten / Albert Préjean (da fr.wiki) / Valdemar Psilander / The Queen of Sheba / Veit Harlan / Kolberg / Jobyna Ralston / Wallace Reid / El Santo / Michael Sarrazin / Sybil Seely / Kristina Söderbaum / Elke Sommer / Pauline Starke / Anna Sten / Anita Stewart / Blanche Sweet / Constance Talmadge / Norma Talmadge / Florence Turner / Otakar Vávra / WAMPAS Baby Stars / Zorka Janů

Geografia
Aalborg / Alfama / Antigua Guatemala / Canale Volga-Baltico / Canale Volga-Don‎ / Danimarca / Edinburgh of the Seven Seas / Englischer Garten / Guaranda / Hanga Roa / Île du Levant / Lago Toplitz / Latacunga / Lolland / Mologa / Monte Licabetto / Riserva naturale Pečoro-Ilyčskij / Stretti danesi

Letteratura
Aimeric de Peguilhan / Al-Akhtal / Al-Jāḥiẓ / Aleksander Blok / Aleksis Kivi / Alfred Tennyson / Anne Tyler / Aradia, o il Vangelo delle Streghe / Arctino di Mileto / Biblioteca (Apollodoro) / Booth Tarkington / Ciclo Troiano / Come farsi una cultura mostruosa (orig.)/ Compton Mackenzie / Cottonian Library / Cypria / Di Brandt / Dolci colline di sangue (orig.) / Douglas Preston / Edgar Bowers / Eneide (riassunto trama orig.) / Erskine Caldwell / Etiopide / Eugammone di Cirene / Eustazio di Tessalonica / Eutichio Proclo / José Lins do Rego / Gordon Lish / Guilhem de la Tor / Jupiter Hammon / Philip Hobsbaum / Il castello di Otranto / Iliou persis / Inni omerici / La battaglia / Jean-Baptiste Adamsberg / J. D. Salinger / John Cleland / Lesche / Letteratura afroamericana / Letteratura anti-Tom / Letteratura della Restaurazione inglese / Lloyd Alexander / Il mondo d’acqua (orig.) / Walter Mosley / The Movement / Howard Nemerov / Nomadi (orig.) / Nostoi / Odissea / O. Henry / Pete Dexter / Philo Vance / Piccola Iliade / Premio O. Henry / Rambertino Buvalelli / Ring Lardner / Robert Bruce Cotton / San Francisco Renaissance / Sherwood Anderson / Louis Simpson / Sue Townsend / Takiji Kobayashi / Telegonia / Un luogo incerto (orig.) / Simon Vinkenoog / Völuspá / Phillis Wheatley / Widsith / Richard Wilbur / Henry Williamson / A.D. Winans / Zakes Mda

Mitologia
Acheronte / Aiace Telamonio / Alala / Alectrione / Arcade / Ares / Artemide / Atena / Calcante / Calliope / Celeno (Arpia) / Celeno (Pleione) / Cercione / Cidippe / Crisotemi / Deifobo / Demetra / Demodoco / Efesto / Hera / Erato / Hermes / Eurito / Femio / Lapiti / Le dodici fatiche di Eracle / Makhai / Meleagridi / Mitologia greca / Pitteo / Polemos / Poseidone / Reso / Stilbe / Teseo / Troo / Zeus

Musica
10,000 Maniacs / Bert Sommer / Black Tape for a Blue Girl / Blutengel / Claudia Brücken / Camerata Mediolanense / Clan of Xymox / Cowboy Junkies / Cranes / Darkwave neoclassica / Das Ich / Death In June / Deine Lakaien / Der Blutharsch / Die Form / Faith and the Muse / Garth Brooks / Inkubus Sukkubus / John Harbison / Ernst Horn / Fairytale of New York / Lacrimosa / Martina McBride / Mary Black / Medieval rock / Midnight Oil / Natalie Merchant / Neofolk / Nusrat Fateh Ali Khan / Ordo Rosarius Equilibrio / Pat Benatar / Qntal / Reba McEntire / Sopor Aeternus & The Ensemble of Shadows / Teresa Salgueiro / The Sisters of Mercy / Throbbing Gristle / Alexander Veljanov

Sport
Ronald Agénor / Vijay Amritraj / Jimmy Arias / Arrows / Aurelio Scagnellato (orig.) / Paul Azinger / Bath Rugby / Ben Hogan / Claudio Ottoni (orig.) / Diego Nargiso (orig.) / Gary Botha / Caddie / Mark Calcavecchia / Héctor Camacho / Cardiff Blues / Kent Carlsson / Darren Clarke / Connacht Rugby / Fred Couples / Ben Crenshaw / John Daly / Kimiko Date / David Duval / Edinburgh Rugby / Ernie Els / Hale Irwin / Jack Nicklaus / Omar Camporese (orig.) / Rose dell’Hellas Verona tutte (orig.) / Rose del Calcio Padova anni ’10 ’20 ’30 ’40 ’50 (orig.) / Nick Faldo / Gigi Fernández / Peter Fleming / Guy Forget / Jim Furyk / Zina Garrison / Lucas Glover / Retief Goosen / Pádraig Harrington / Jakob Hlasek / / Anke Huber / Aaron Krickstein / Andrea Jaeger / Japan Golf Tour / Lee Janzen / Anders Järryd / Miguel Ángel Jiménez / Dustin Johnson/ Zach Johnson / Martin Kaymer / Tom Kite / Bernhard Langer / Leicester Tigers / Leinster Rugby / London Irish / Davis Love III / Sandy Lyle / Iva Majoli / Manuela Maleeva / Hana Mandlíková / Conchita Martínez‎ / Graeme McDowell / Phil Mickelson / Colin Montgomerie / Newport Gwent Dragons / Greg Norman / Jana Novotná‎ / Official World Golf Rankings / Mark O’Meara / Louis Oosthuizen / Arnold Palmer / Willie Park Sr. / Corey Pavin / Ruan Pienaar / Gary Player / Nick Price / Severiano Ballesteros / Tatsumi Fujinami / Emilio Sánchez / Charl Schwartzel / Pam Shriver / Horst Skoff / Payne Stewart / Jason Stoltenberg / Helena Suková / Nathalie Tauziat / Tom Watson / PGA Championship / PGA Tour / PGA European Tour / Sunshine Tour / Tornei Major di golf maschile / Tour professionistici di golf / Lee Trevino / Ulster Rugby / Walter Hagen / Todd Woodbridge / Mark Woodforde / Yang Yong-eun / Natasha Zvereva

Storia
Ambarvali / Askold e Dir / Battaglia di Fort Washington / Carmen Saliare / Carpetbagger / Columbus Day / Corsa dei carri / Cucina medievale / Eione / Eurito (Sparta) / Five Points / Germania nazista / Giochi Panatenaici / Grande incendio di New York / Heder / Incidente del Passo Djatlov / Leggi Jim Crow / Magda Goebbels / Massacro di Boston / Massacro di Nanchino / Massacro di Novočerkassk / Panatenee / Peleiadi / Roccia di Plymouth / Sawney Bean / Spedizione Donner / Spedizione perduta di Franklin / Storia della Danimarca / Tedeschi del Volga

Teatro
Bataclan / Café-théâtre / Coriolano / Finale di partita / First folio / Ernst-Hugo Järegård / Barbara Jefford / Timone d’Atene / Tito Andronico / Tristan Bernard / Troilo e Cressida

Varie
Acquariofilia / Aryan Nations / Braquo / General Slocum / Globster / Minenwerfer / Le Nozze Chimiche di Christian Rosenkreutz / Ragni fritti / Set / Sideshow / Teotihuacan / Tabacco

Templates
Ciclo Troiano da fr.wiki / Calcio Padova storico (adattato) / Calcio Verona storico (adattato) / Timeline di El Greco

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato | 1 commento

Il mobile, i lustrini e le cose importanti della vita

Se potesse mai leggerlo, dedicherei questo post alla signora dagli occhi turchesi che ho tentato di aiutare a banco – senza riuscirci – martedì pomeriggio. Quella che alla fine è entrata nella caffetteria della biblioteca ed è uscita con una tazzina di caffé per me (non senza avermi chiesto prima se c’erano delle telecamere e se mi avrebbe messo in difficoltà offrendomela). Io glielo dedico, ma lei non lo leggerà perché so che da oggi avrebbe cominciato a lavorare a tempo pieno come badante, e so che non possiede un accesso a internet di alcun tipo. Ha un cellulare, col quale potrebbe collegarsi se non si fosse chiusa fuori da una serie concentrica di account in una escalation di inconsapevolezza su che cosa sia uno username, che cosa una password, e che differenza passi fra un fornitore di servizi di telefonia mobile, Facebook e la posta elettronica.

Con la borsa piena di password appuntate su foglietti appallottolati, scritti di fretta in caratteri che non sono i suoi, la signora mi ha chiesto se potevo aiutarla a entrare nel suo profilo Facebook di cui aveva dimenticato la password, e che aveva sempre e solo usato dal suo cellulare perché non ha un computer, e comunque non è capace di usarlo, e forse è anche (come mi dice candidamente) “una cretina” (non lo è, tutt’altro, e non posso che ripeterglielo diverse volte).

Quello che io capisco alla fine è che forse, tentando di recuperare la password di Facebook, ha fornito un indirizzo email simile al suo, ma non il suo, di cui ad ogni modo non sa la password perché la confonde con qualunque altro codice abbia scritto. Alla fine io mi arrendo dicendole che dovrebbe mettersi davanti a un computer con calma, con qualcuno che la può aiutare, e ricominciare tutto da capo facendosi spiegare bene le cose. C’è un servizio della biblioteca che potrebbe aiutarla in questo, potrebbe prenotare e usufruirne, ma invece non può, perché fa la badante, e quindi mi offre il caffé e se ne va e io spero che prima o poi quel tempo e quel computer davanti a cui sedersi lo trovi.

mantellini2Mantellini è Mantellini ed è inutile che sia io a dire che è uno bravo. Ho letto il suo ultimo, piccolo libro, La vista da qui: appunti per un’internet italiana (Minimum Fax, 2014) e ci ho trovato un capitolo dal titolo La mobilità è il diavolo.
Perché mai la mobilità dovrebbe essere il diavolo?
Mantellini lo dice meglio di come potrei mai fare io, anche senza aver lottato con le password appallottolate sui foglietti del martedì pomeriggio, e perciò lo lascio dire a lui:

L’elettrodomestico computer è complicato per molte ragioni, ma ce n’è una più decisiva delle altre. Perché essendo un oggetto dalle vaste opportunità non è mai stato in grado, fin dall’inizio, di rendere comprensibile la propria complessità di utilizzo, nascondendola dietro un’interfaccia capace di oscurarne il meccanismo. Le interfacce grafiche, da un certo momento in avanti, hanno nascosto il codice dalla visione dei più e – per fortuna – ci hanno regalato l’illusione che i computer fossero diventati «per tutti». Ma questo voleva dire al contempo che lo sviluppo dei sistemi operativi e delle applicazioni sceglieva il percorso dell’esoterismo tecnologico, nella creazione vorticosa di luoghi di conoscenza che diventavano in questa maniera irraggiungibili alla maggior parte di noi.

Per un certo periodo l’Italia è stata, insieme alla Finlandia e a qualche altro paese nordico, la nazione al mondo col maggior numero di telefoni cellulari. Spesso questo argomento è servito a sostenere che gli italiani non erano allergici alla tecnologia. In realtà i telefoni mobili sono stati per noi, per molti anni, anche una protesi estetica personale. Questo ne ha spiegato parte del successo e ha giocato un ruolo consolatorio, senza giovare troppo alla nostra maturazione di paese pronto ad adottare le nuove tecnologie.
Il trionfo estetico della telefonia mobile in Italia ha coinciso, da un certo punto in avanti, con il momento in cui in molti paesi occidentali iniziava a diffondersi internet. Mentre il terziario disagiato e gli ultimi resti della classe operaia italiana chiedevano un fido in banca per acquistare l’ultimo modello di cellulare da mostrare agli amici, negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, nei paesi scandinavi e in Asia, le famiglie che si erano dotate di personal computer (nonostante i problemi di complessità e manutenzione e il precoce invecchiamento del software) iniziavano a collegarli in rete.

La mobilità è il diavolo perché nella prima fase dello sviluppo di internet in Italia ha avuto un ruolo distrattivo (o così a me piace pensare) nei confronti della crescita della rete nelle nostre case e poi perché, da un certo momento in avanti, invece di proporsi come servizio ancillare di accesso ci è stata venduta come alternativa possibile alle linee a larga banda residenziali. Per questo, e non solo per colpa di quelli che rumorosamente li usano in treno disturbando i miei viaggi, confesso di aver sempre detestato, in maniera prevenuta, stupida e illogica, i cellulari: perché in questi anni – come direbbe Sigmund Freud – hanno deviato il nostro oggetto d’amore, si sono frapposti con i loro lazzi e i loro lustrini alle cose importanti delle nostre vite.

Per come la vedo io, le cose importanti che si possono fare in rete necessitano (fino a oggi, anzi fino a ieri perché i tablet hanno un po’ mescolato le carte) di un computer, di un monitor di dimensioni decenti, di un impianto audio, di una postazione comoda con una tazza di qualcosa accanto (la variante di mia figlia è leggermente diversa: computer, monitor, audio e pacchetto di Big Babol).

Ce ne sono tanti, di esempi di “terziario disagiato” o di proletariato vecchio e nuovo imprigionato nel sogno dei device mobili: gli anziani che usano i tablet come televisioni, i nativi digitali che non sono affatto digitali (nel libro di Mantellini si parla anche di questo), i poveri che non possono permettersi altro che un piccolo cellulare che si connette faticosamente alla rete mentre il mercato sviluppa app solo per una fascia di mercato più alta, i volonterosi che si presentano a un corso su Wikipedia col tablet e naufragano nella difficoltà di aprire più finestre in contemporanea.
È davvero possibile saltare la fase dell’alfabetizzazione informatica di base e sostituirla coi pulsanti colorati delle app? Dovremmo avere opac che simulino quel tipo di interfacce? Che cosa dovremmo fare coi Windows 8 che ci vengono rifilati per forza e che sembrano progettati per essere usati via touch da uno scimmione? Può trasformarsi in qualcosa di meglio di quanto conosciamo oggi la potenza liberatrice dell’accesso in mobilità?

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , | 3 commenti

GLAM!

Dimenticate il glam rock. Dimenticate i lustrini e i tacchi alti. GLAM è l’acronimo che sta per Galleries, Libraries, Archives, Museums e viene usato per indicare tutte le forme di collaborazione fra le istituzioni culturali e i progetti wiki (Wikipedia, Wikimedia Commons, Wikisource…)

Sono stata a Wikimania Londra la settimana scorsa e per almeno la metà del tempo ho sentito parlare di questo. Ho sentito parlare di biblioteche e Wikipedia come alleati naturali. Ho sentito di tanti progetti piccoli e grandi per far capire (a fatica, nonostante tanti atteggiamenti di chiusura, nonostante legislazioni non sempre favorevoli) che musei e biblioteche e Wikipedia sono accomunati dagli stessi scopi e lavorano per lo stesso pubblico.

Wikimedia UK ha prodotto in questa occasione un bellissimo video introduttivo che spiega che cosa siano i progetti GLAM e perché interessano – in modo inevitabile e perfettamente felice – biblioteche e musei. Eccolo. È solo un inizio.

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , | 1 commento